Categorie

che cos'è l'ansia

Che cos’è l’ansia


L’ansia è una condizione psichica caratterizzata da una sensazione prolungata e intensa di apprensione, preoccupazione e paura. Tali sensazioni risultano spesso infondate e invalidanti. L’ansia può esprimersi sotto forma di stress.

Ciò che differenzia l’ansia dalla più comune paura è la sua natura aspecifica.

Questa condizione, infatti, non sembra essere relativa ad uno specifico elemento, quanto più ad una combinazione di componenti cognitive, somatiche, emotive e comportamentali.

 

Quali sono i sintomi dell’ansia?


Come accennato, il disturbo d’ansia è caratterizzato da una molteplicità di componenti.

Per questa ragione anche i sintomi possono presentarsi a vari livelli. In particolare, i più comuni sintomi fisici di ansia sono:
• tachicardia,
• sensazione di soffocamento,
• tremori,
• mal di testa/cafalea,
• mal di stomaco,
• senso di stanchezza,
• sudorazione eccessiva,
• vertigini,
• nausea,
• diarrea,
• brividi,
• vampate di calore,
• contrazioni muscolari involontarie,
• secchezza delle fauci.


Per ciò che concerne i sintomi psicologici, l’ansia si può manifestare, come detto poc’anzi, con un senso di profonda preoccupazione non commisurato rispetto all’evento che la provoca.

Inoltre, è possibile avvertire nervosismo, perdita di memoria, abbassamento della concentrazione e insicurezza.
Infine, a livello cognitivo, l’ansia può manifestarsi con:
• sensazione di vuoto mentale,
• sensazione di essere costantemente sotto giudizio da parte degli altri;
• senso di pericolo e dunque allarme,
• attuazione di meccanismi di difesa,
• emersione di immagini, ricordi e pensieri negativi.

 

Ansia: le cause e i rimedi senza l’utilizzo di farmaci

In un articolo precedente avevamo parlato dei migliori farmaci per curare l’ansia, ora cercheremo di indicare quali sono i possibili rimedi per curare l’ansia senza l’utilizzo di farmaci
Ciascun approccio psicologico ha evidenziato cause differenti per la comparsa del disturbo d’ansia.

La prospettiva psicoanalitica ha individuato nei conflitti inconsci la genesi dell’ansia, mentre la prospettiva biologica suggerisce che possano essere carenze di serotonina e noradrenalina a provocarla.

In generale è possibile affermare che l’ansia compare in periodi di forte stress fisico e psicologico.

Ritmi di lavoro intensi, abuso di sostanza, difficoltà relazionali e problemi di salute sono solo alcune delle possibili cause.
È bene ricordare che per diagnosticare il disturbo d’ansia è necessario rivolgersi ad un professionista competente come uno psicoterapeuta. Conseguentemente il soggetto potrà decidere se affrontare un percorso terapeutico.

Solo così potranno essere individuate le cause.

Questo step è infatti il più importante.

Lavorare alla radice del problema, individuando le cause più profonde e intime che hanno fatto emergere il disturbo è il modo migliore per aiutare paziente a controllare e attenuare lo stato di tensione e preoccupazione.
Come accennato, dunque, la cura più efficace per l’ansia sembra essere la psicoterapia. Escludendo gli psicofarmaci, prescrivibili esclusivamente da uno psichiatra, un percorso di analisi potrebbe giovare notevolmente.

Non solo, se non si ritiene opportuno rivolgersi ad un professionista, è possibile limitare le situazioni stressanti, prendendosi qualche giorno di pausa.

Inoltre, praticare sport e attività stimolanti nel tempo libero può essere un’ottima soluzione. Infine, adottare uno stile di vita sano e regolare potrà altresì attenuarne i sintomi.