covid

Come proteggersi al meglio dalla nuova ondata di Covid 19

Come era stato previsto (ma in anticipo a quanto preventivato) il corona virus covid 19 ha ricominciato a diffondersi in maniera importante come si evince dai numeri degli ultimi giorni in Italia e in tutto il mondo: sicuramente la situazione italiana è migliore rispetto a quella di altri paesi europei e nel mondo, ma non bisogna assolutamente abbassare la guardia.

Bisogna tenere infatti presente che i numeri stanno risalendo in un periodo come quello estivo durante il quale il virus risulta essere meno aggressivo e più asintomatico; le condizioni infatti in cui il virus può risultare più pericoloso (e in alcuni casi addirittura letale) si verificano quando la temperatura si abbassa (a partire quindi dal mese di ottobre probabilmente) e comincia ad attaccare in maniera aggressiva provocando le polmoniti interstiziali che possono arrecare gravi danni ai pazienti.

Bisogna quindi cercare di proteggere se stessi e gli altri in modo opportuno e come viene consigliato da medici ed esperti: è necessario quindi continuare ad indossare mascherine e visiere protettive (come quelle che si trovano sul sito di gonfiabili-pubblicitari.com), utilizzare all’interno di aziende e attività commerciali i sistemi di sanificazione e lavarsi sempre le mani con il sapone e utilizzare gel igienizzanti.

La nuova ondata è dovuta probabilmente in gran parte al fatto che molte persone hanno abbassato la guardia durante il periodo estivo e durante le vacanze hanno ignorato le indicazioni fornite durante i mesi di lockdown partecipando a serate in discoteca, cene private oppure semplicemente trovandosi in spiagge affollate favorendo così la proliferazione del virus.

Un’altra regola importantissima che deve continuare a essere applicata è quella di evitare assembramenti sia in ambienti privati che pubblici in quanto è il modo più facile in cui il virus si trasmette: bisogna quindi sempre tenere la distanza di sicurezza di un metro, evitare di stringere la mano ad altre persone, non abbracciarsi, non bere da bicchieri utilizzati da altre persone così come non utilizzare coltelli o forchette utilizzate da amici o conoscenti per mangiare.

Solo applicando tutte le guidelines (che non sono solo queste ma ce ne sono anche molte altre) fornite da OMS e personale specializzato potremo evitare che il virus continui a diffondersi e di ritrovarci nella situazione di qualche mese fa con ospedali intasati e terapie intensive che non possono più ospitare i pazienti.

Anche infatti se si è asintomatici e la malattia non arreca alcun danno, è ben ricordarsi che il virus si può sempre trasmettere a persone su cui potrebbe essere più aggressivo e portarle addirittura alla morte qualora fossero anziane o avessero problemi pregressi; il fatto che infatti adesso la malattia colpisca principalmente i più giovani non vuol dire che questi non possano trasmetterla a parenti più anziani, che invece probabilmente sono meno colpiti in questo periodo in quanto stanno seguendo al meglio i consigli dati in questi mesi non mettendo a rischio se stessi e gli altri da un virus che purtroppo continua a diffondersi e ad arrecare problemi.